Le elezioni politiche confermano l’apertura annunciata dagli accordi internazionali dello scorso anno.  L’Iran diventa sempre più accessibile al mondo: città e siti archeologici sono presi d’assalto da turisti da ogni parte del mondo, soprattutto in primavera. Per trovare i siti meno affollati basta programmare bene le tappe e scegliere il momento giusto per ogni visita. 

  • donna: porto foulard colorati, copro le braccia fino al gomito, posso mettere sandali e smalto, anche ai piedi. Pantaloni e camicia non devono essere extralarge o informi, purché il bacino sia coperto
  • uomo: lascio a casa i bermuda e in qualche mausoleo devo coprire le braccia anche io
  • shopping: prezzi fissi, qui non si contratta. Unica eccezione i tappeti: tè, caffè, centinaia di modelli srotolati e tutto il tempo che si vuole
  • shopping bis: la moneta corrente è il Rial ma gli iraniani si esprimono in Toman (che in realtà non esiste ma corrisponde a dieci Rial). Occhio ai cartellini, nel dubbio chiedere.
  • tutto ok? non dirlo alzando il pollice, come si fa da noi. Da queste parti è considerato un gesto molto volgare

Write A Comment